NUOVO CENTRO PER LA RICERCA E LO SVILUPPO TECNOLOGICO NEL CAMPO ZOOTECNICO ED AGROALIMENTARE - LODI

Committente: Parco Tecnologico Padano
Indirizzo: Via Einstein, località Cascina Codazza, Lodi
R.U.P.: Ing. L. Lucchini
Progetto: incarico ad "A.T.I." composta da: Studio Sibilla Associati (Progettazione architettonica - opere civili, Coord. Generale, Coord. della sicurezza in fase di progettazione ai sensi del D.Lgs. 494/96); Studio Montanari S.r.l. (Capogruppo, Direzione dei Lavori, Contabilità lavori.); Ce.A.S. S.r.l. (Progettazione opere strutturali); Serin S.r.l. (Progettazione opere impiantistiche)
Località: Località Cascina Codazza, Lodi
Attività: (Incarico completo) Progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, Coord. Sicurezza in fase di progettazione, Direzione Lavori, Contabilità lavori
Impresa di costruzione: Codelfa S.p.a.
Pubblicato in: ”Parco Tecnologico Padano”, L.Molinari in ABITARE, n°455 novembre 2005 pp.166-171
 
PRINCIPALI DATI
Superficie del lotto: 11.450mq
Superficie coperta: 3.202mq
Superficie lorda: 9.096mq
Superficie utile: 8.272mq
Volume: 43.346mc
Sup. parcheggi pertinenziali: 2.840mq

CRONOLOGIA
Progettazione: 11/12/2001-25/11/2002
Lavori: 01/04/2003-30/12/2004
 
Programma: L’edificio costituisce la prima significativa realizzazione ed il fulcro di un più vasto intervento volto a realizzare un polo tecnologico per la ricerca e per l’Università nella Provincia di Lodi. Il complesso si organizza secondo due corpi in linea paralleli tra loro collegati trasversalmente da una galleria vetrata destinata a proteggere i principali percorsi di distribuzione interna e a costituire spazio di relazione per i ricercatori insediati. La galleria, accessibile direttamente da un’ampia piazza sistemata a verde, costituisce l’elemento di caratterizzazione dell’ edificio e, con gli spazi aperti tra i due corpi in linea, definisce gli assi di impianto del polo tecnologico che sarà realizzato nelle immediate vicinanze. I due corpi, sistemati ciascuno su tre livelli, sono destinati a contenere spazi a laboratorio organizzati secondo due corridoi paralleli tra loro a definire locali speciali negli spazi contenuti tra i due percorsi e locali laboratorio sui due lati esterni. Negli spazi così organizzati oltre alla sede del Parco Tecnologico Padano trovano collocazione alcuni tra i più importanti centri di ricerca italiani, l’ISTITUTO SPALLANZANI, IL CERSA, il CNR ed un Incubatore di Imprese legame con la realtà imprenditoriale locale. I due corpi principali sono realizzati in struttura tradizionale di cemento armato con facciate ventilate realizzate con tamponamenti perimetrali in muratura e rivestimento in lastre di fibrocemento colorate e di lamiera. La galleria è interamente in struttura metallica e vetro. L’uso di materiali diversi per le facciate (fibrocemento/lamiera) e di differenti colori per i serramenti costituisce elemento di diversificazione e personalizzazione degli spazi in un edificio con caratteristiche tecnologiche spinte in cui la serialità è invece ricercata sia per l’organizzazione degli spazi che per i relativi impianti tecnologici.