PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELL’AREA DI FONDEGA SUD A PEGLI - GENOVA

COMMITTENTE
PRAOIL O.I. S.p.a.
 
PRINCIPALI DATI
Superficie del lotto: 154.000mq
Produttivo e Artigianato: 37.000mq
Commerciale: 28.000mq
Ricettivo: 29.000mq
Residenziale convenzionato: 2.500mq
Supazi urbani pubblici: 25.600mq
Verde pubblico: 6.630mq
Verde pubblico (colline): 10.000mq
Spazi e parcheggi: 18.000mq

CRONOLOGIA
Progettazione: 01/06/2006-03/07/2006
 
Programma: Il superamento dell’industria pesante ha da tempo posto la città di Genova di fronte al complesso problema di come recuperare alla città stessa quei siti che fino a ieri costituivano la sua risorsa principe. Limitrofo al tessuto urbano ma da questo distinto per la profonda cesura costituita dall’infrastruttura autostradale, il parco dei serbatoi di Fondega sud costituisce con i suoi 13 serbatoi petroliferi uno di questi esempi. Il recupero del sito ha costituito un’affascinante occasione progettuale che ha legato gli aspetti di sostenibilità ambientale a quelli relativi all’investimento di risorse in un progetto concreto che possa offrire un’opportunità di sviluppo per la città.
L’impianto valorizza l’attuale conformazione geomorfologica del terreno, riducendo al minimo gli interventi di demolizione e di alterazione del territorio. Il progetto ottimizza infatti i marcati cambi di quota del terreno (gli imponenti muri in c.a. presenti nell’area) rendendoli elementi qualificanti il progetto stesso: il costruito si addossa a questi riducendo l’impatto visivo dell’intervento e migliorando le prestazioni energetiche del complesso. Il progetto ha infatti l’obiettivo di ottimizzare le relazioni energetiche tra ambiente esterno ed interno e ha la finalità ultima di realizzare edifici a prestazioni energetiche che tendano allo zero. L’impianto si configura secondo ambiti ben distinti in termini di organizzazione degli spazi e delle funzioni e si sviluppa lateralmente all’asse della viabilità principale. Il primo ambito è il “basamento produttivo”, una serie di tre terrazzamenti sovrapposti, serviti da una viabilità ad anello, nei quali sono realizzati gli spazi per le attività produttive oltre ai parcheggi per l’intero complesso. Il basamento, fulcro delle attività produttive, risulterà, data la presenza dell’infrastruttura autostradale, non visibile dalla città da cui invece risulterà percepibile il secondo ambito, la soprastante “piazza pubblica”, cuore dell’intervento. Su di essa si attestano gli spazi a destinazione commerciale (in sinergia con le attività produttive) e i quattro volumi sospesi che fortemente la caratterizzano.
Dalla piazza si accede agli altri due ambiti che contraddistinguono il progetto e quindi alle “due torri” emergenti a destinazione ricettiva e direzionale ed al “parco urbano” ed agli spazi che, mediante una rinaturalizzazione del versante, verranno resi usufruibili al quartiere.