STRUTTURA RICETTIVA IN LOCALITÀ TERRALBA AD ARENZANO - GENOVA

Committente: T.Y.M srl
Indirizzo: Via Corridoni 5/6 (Villa Spinola) - 16145 Genova
Progetto: incarico a SIBILLASSOCIATI S.r.l.
Località: Terralba - Arenzano
Attività: Progetto Preliminare, Definitivo e Variante al piano particolareggiato
 
CRONOLOGIA:
Progettazione preliminare e definitiva: 01/02/2011-03/11/2011
 
PRINCIPALI DATI:
Superficie agibile: 1.608,23mq
Superficie a parcheggio: 6.773mq
Volume: 5.628,81mc
 
Programma: Il piano particolareggiato di Terralba ad Arenzano ha riguardato la realizzazione di un ampio complesso residenziale destinato essenzialmente a seconde case e caratterizzato da ampi spazi dedicati al riposo, al gioco ed al nuoto in periodo estivo. Il progetto di variante riguarda una parte del lotto di circa mq 8.000 posizionata lungo la Via del Giappone nelle vicinanza dell’ospedale “la colletta” di Arenzano.
Il progetto prevede la realizzazione di una struttura  ricettiva di capacità di 46 posti letto a servizio sia del turismo di Arenzano sia delle famiglie che usufruiscono dei servizi del vicino ospedale. L’intervento si completa con la realizzazione di un locale commerciale sulla copertura della struttura ricettiva ed in continuità di linguaggio architettonico con la stessa e con la realizzazione di un parcheggio pubblico, a servizio del complesso per 100 p.a.
Il tema architettonico è fortemente influenzato dai vincoli infrastrutturali ed orografici dell’area disponibile: la stessa infatti, pur godendo di buone qualità, in termini di panoramicità, dimensioni e vicinanza alle principali vie di scorrimento risulta vicina all’autostrada Genova-Ventimiglia ed, in parte, su terreno acclive. Il progetto sfrutta questa peculiarità realizzando un'edificio che in maniera volumetricamente discreta, si appoggia al dislivello esistente riducendo così l’impatto del costruito sull’ambiente. L’edificio ottimizzato nella sua forma per sfruttare al meglio la radiazione solare e pensato già in questa fase di pianificazione per soddisfare sia i requisiti di risparmio energetico sia i requisiti qualitativi che una struttura moderna deve avere si sviluppa per linee orizzontali assecondando la geografia del territorio. L’utilizzo del legno, sia come rivestimento che come schermatura, visiva e solare, consente insieme alla semplicità volumetrica l’uniformità architettonica dell’edificio. La rinaturalizzazione degli spazi esterni mediante l’utilizzo e la ripiantumazione delle piante locali e mediante la ricreazione dei muri in pietra tipici genovesi completa l’intervento.