NUOVO IMPIANTO PER LE GARE DI BIATHLON A CESANA TORINESE - TORINO

Committente: Agenzia per lo svolgimento dei XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006
Indirizzo: Galleria San Federico 16, 10121 Torino
R.U.P.: Sig. Salusso
Progetto: incarico ad "A.T.I."composta da: Studio Sibilla Associati (Capogruppo, Rilievo, Progettazione architettonica - opere civili e Coord. Generale); Studio Mellano Associati (Progettazione urbanistica); AI Engineering S.r.l. (Progettazione opere strutturali ed opere impiantistiche, Direzione lavori, Contabilità lavori); Manens Intertecnica S.r.l. (Progettazione opere impiantistiche); Plan Team S.r.l. (Progettazione della pista); Igeo Ingegneri e Geologi Associati (Problematiche geologiche e geotecniche, Coord. della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori ai sensi del D.Lgs. 494/96); Studio Tecnico Associato Isesco 2 (Ambiente e opere di compensazione,Verifica di Impatto Ambientale (V.I.A.)); Ing. Mirna Terenziani (Progettazione opere impiantistiche)
Località: Località San Sicario, Comune di Cesana Torinese (TO)
Attività: (Incarico completo) Rilievo, Progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, Coord. Sicurezza, Direzione Lavori, Contabilità lavori
Impresa di costruzione: Zimmerhofer GMBH S.r.l., Stahlbau Pichler GMBH S.r.l., TechnoAlpin GMBH
Pubblicato in:
“Le costruzioni Olimpiche: Grande impatto architettonico e ambientale”, C. Gavitelli in:“OFX ARCHITETTURA – International Magazine Architecture Design Contract”, n° 86 settembre-ottobre 2005, pp. 66-83
“Agenzia per lo svolgimento dei XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006 – 1_PROGETTI” M. Filippi, F. Mellano (a cura di), Electa, Milano 2004, pp. 380-389
 
PRINCIPALI DATI
Sup. del lotto: 347.201mq
Sup. coperta edificio
ex-colonia Italsider: 2.820mq
Sup. utile edificio
ex-colonia Italsider: 6.328mq
Sup. utile locali tecnici interrati edificio
ex-colonia Italsider: 320mq
Vol. edificio
ex-colonia Italsider: 24.152mc
Sup. per parcheggi pertinenziali edificio
ex-colonia Italsider: 2.415mq

CRONOLOGIA
Progettazione: 04/10/2002-22/12/2003
Lavori: 21/01/2004-31/07/2005 (Fase Olimpica)
 
Programma: Il progetto consiste nel nuovo impianto sportivo per le gare di Biathlon dei XX Giochi Olimpici Invernali previsti a Torino nell’anno 2006. L’impianto è situato in Comune di Cesana Torinese (TO) sul versante idrografico destro della Val di Susa , sottostante le piste di sci di San Sicario, ad una quota media di circa 1650 metri s.l.m. L’impianto è insediato in una porzione pianeggiante del versante caratterizzata da ampi spazi a prato. Il progetto prevede il recupero di un edificio esistente, la ex-colonia Italsider, a servizio dell’evento olimpico e, successivamente, per attività di tipo ricettivo/sportivo.
Il nuovo impianto è costituito da:
- una pista di fondo costituita da anelli di gara di differente lunghezza (anello di base km 4,00) e gli spazi aperti ad essa circostanti, un poligono di tiro, un anello di riscaldamento ed un’area prova sci;
- un nuovo impianto di innevamento programmato per la pista di fondo;
- un edificio esistente ex-colonia Italsider recuperato per l’evento olimpico;
- un articolato sistema di spazi aperti di accesso e di parcheggio.
Il progetto per quanto riguarda la pista e la sistemazione degli spazi aperti ha coniugato la soluzione delle problematiche tecniche dello sport del Biathlon con quelle paesistiche proponendo spazi, percorsi e sistemazioni che riducessero al minimo i mutamenti all’orografia del sito esistente ed utilizzando esclusivamente tecnologie di tipo naturalistico. L’edificio di servizio alla pista, collocato al centro di un invaso erboso, è articolato su tre livelli principali a pianta pressoché quadrata di cui l’ultimo, il più alto, risulta in abbondante aggetto rispetto agli altri due sottostanti. Il progetto sviluppa una reinterpretazione tipologica della colonia procedendo all’accorpamento degli originari nuclei di convivenza in un solo grande spazio abitativo. Il piano primo, completamente vetrato, viene destinato agli atleti, ai giornalisti e a tutte le attività di tipo comune mentre il piano terreno è utilizzato per i box delle squadre ed il piano primo per i locali necessari all’organizzazione olimpica (arbitri e Federazioni). L’impostazione progettuale garantisce la massima flessibilità di utilizzo anche in fase post-olimpica momento in cui la struttura viene adeguata permettendo l’aggregazione di attività ricreative, sportive e di intrattenimento con funzioni più propriamente ricettive. L’intervento sviluppa un deciso uso di materiali non mimetici volti a confermare la peculiarità della struttura nell’ambito alpino circostante.